Dom.30

Cima Plem

 

Gita Sociale

 
 
Partenza ore:5 dal piazzale del Municipio  
Dislivello 1654 m
Ore di cammino 10 A/R
Difficoltà Alpinistico
Equipaggiamento Scarponi o pedule
Coordinatori

Silvio Novali 3774871272 - Marco Bianchi 3386264403

 

 

Lasciata la macchina al "Put del Guat" (1528 m) si prosegue per qualche centinaio di metri su una strada battuta, sino al Rif. Malga Premassone (1589 m).

Si attraversa quindi il ponticello proseguendo su un sentiero ciottolato che continua molto ripido nel bosco (al bivio mantenere la destra - segnavia n. 23 in direzione Gnutti). Dopo una ventina di minuti si sbocca nei pressi della Malga Frino (1695 m), dove le pendenze lasciano un poco di tregua e la vegetazione si apre in una piccola radura. Il sentiero prosegue quindi, ora sterrato, al lato del torrente.

Dopo qualche centinaio di metri il sentiero vira a destra, dove la pendenza torna gradualmente a comparire. Accompagnati da una serie di tornanti si arriva quindi al ridosso della "Scala del Miller" sentiero molto esposto caratterizzato dalla presenza di almeno 300 metri di scalini su blocchi di granito.

Superata la balza, il sentiero prosegue su pendenze più dolci passando per la Malga Miller (2116 m) fino a giungere al Lago Miller al ridosso del quale si affaccia il rifugio Serafino Gnutti (2166 m).

Dal rifugio si prosegue sul lato sinistro della valle, mantenendo il segnavia n. 23. Si percorre allora gran parte di una larga condotta idrica che si abbandona solo subito prima della fine, imboccando un evidente sentiero sulla sinistra in direzione del Passo dell’Adamello (2250 m). Ben presto si arriva quindi ad un bivio da superare a sinistra sul sentiero n. 31. Si prosegue poi su un lunghissimo pendio che, inizialmente erboso, gradualmente lascia spazio a infinite placconate e pietraie che terminano solo una volta sopraggiunto l’evidente Passo del Cristallo (2885 m). Giunti al passo, si prosegue in direzione Nord Ovest su difficoltà sempre più alpinistiche costeggiando la base della cresta Sud della Cima Plem. Si raggiunge presto un ripido canale da risalire quasi completamente. Si prosegue verso destra e, sfruttando una serie di strette cenge oblique, si superano delle ripide placche di granito che portano alla vetta (circa a 3 ore dal rifugio, 3182 m).

Rientro per il medesimo percorso.