HOME      BACK                     

GITA  SOCIALE                                                        Sab. e Dom. 8-9 Settembre

 

LAGO DI BRAIES - CRODA DEL BECCO (m. 2810)

 

  ITINERARIO STRADALE : Palazzolo, autostrada del Brennero, USCITA Bolzano

  PUNTO DI PARTENZA: Hotel lago di Brais

  QUOTA MASSIMA RAGGIUNTA: m 22810

  DISLIVELLO: m 894

  ORE DI CAMMINO:3/4 primo giorno  - 3 secondo giorno

  DIFFICOLT└’: EE Escursionisti Esperti

  EQUIPAGGIAMENTO: Da alta montagna

  PARTENZA ORE: 7,00 del sabato dal Piazzale del municipio

  COORDINATORI:  Chiari Federico (348 7489950) – Mai Arnaldo

 

ITINERARIO 1░ giorno

Dal Lago di BrÓies (quota 1.489 m, ci si incammina lungo la strada che porta all’estremitÓ meridionale del Lago, per proseguire poi per una mulattiera (segnavia n. 1) che risale la conca dominata, ad ovest, dalla Croda del Becco. Al termine della conca, tra due rocce, si addentra uno stretto valloncello detto ‘Buco del Giovo’ (2.034 m, h 2). A questo punto il nostro percorso prosegue ancora per il sentiero n. 1 che dall’alto offre uno scorcio sul piccolo laghetto del Giovo (2.026 m).

Giunti sotto un muro semicircolare, si supera un gradone roccioso e si accede nel ‘Forno’, lo stretto corridoi tra il Pizzo Forno ed il Monte Muro. Si prosegue ancora tra grandi blocchi di roccia e, in alto, con percorso a zig - zag, si sale alla Forcella Sora Forno (2.388 m, h 1,45 dal Buco del Giovo; 3,45 ore circa dalla partenza). Dal qui, in pochi minuti di discesa, si arriva al Rifugio Biella alla Croda del Becco (2.327 m, 15 minuti circa dalla Forcella Sora Forno; 4 ore circa dalla partenza), dove si fa tappa per la notte.

2░ giorno

Dal Rifugio Biella si scende in direzione sud - ovest lungo la mulattiera con segnavia n. 6 fino a quota 2.260 m; qui si segue il sentiero che procede verso ovest aggirando i ‘lastroni occidentali’ della Croda del Becco. Mantenendosi sempre al limite settentrionale della Alpe di SÚnes, si raggiunge quota 2.247 m, da dove un sassoso sentiero (segnavia n. 23) conduce, in direzione nord, alla Forcella Riodalato (2.331 m, 1,30 ore circa dal Rifugio Biella).

Il sentiero n. 23 scende ora rapidamente per la Valle Riodalato: dapprima con strette serpentine supera sulla sinistra una barra rocciosa, poi proseguendo diritto fino ad un promontorio barancioso percorre l’ampio Cadin di SÚnnes, delimitato dai paretoni della Cima Cadin di SÚnes e dalla propaggine del Col de Ricegon.

Traversato il ruscello in corrispondenza di una radura, sotto le caratteristiche lastronate spioventi delle Punte Riodalato, si scende la Valle Riodalato mantenendosi sempre in un fitto bosco sulla sinistra idrografica. Raggiunta l’Alpe Foresta (1.590 m), dove si trova una bella malga, il sentiero n. 23 confluisce nella mulattiera (segnavia n. 19): seguendo quest’ultima si raggiunge il Lago di Braies (1.489 m, 2 - 2,30 ore circa dalla Forcella Riodalato; 3,30 - 4 ore circa dal Rifugio Biella).